È possibile trasportare le ceneri all’estero?

Si possono trasportare le ceneri di un defunto in un paese estero? Servono dei documenti particolari? A chi vanno chieste le autorizzazioni? 

Sono domande che ci vengono rivolte spesso, qui in Associazione, e ci teniamo a rispondere per continuare a fare chiarezza sul tema della cremazione

Continua...

Cremazione: cambiano le tradizioni in Svezia

In Svezia, nelle grandi città, una persona deceduta su dieci viene trasferita direttamente dal letto di morte all’impianto per la cremazione, mentre le ceneri vengono disperse in maniera indistinta da personale addetto. 

Si tratta di una tendenza che è passata da meno del 2% all’8% solo negli ultimi 10 anni, almeno secondo i dati riportati dalla Swedish Funeral Home Association, che ha condotto una ricerca e ne ha condiviso i risultati.

Continua...

La cremazione nel Regno Unito

Secondo uno studio condotto da Coop Funeralcare UK, uno dei maggiori fornitori di servizi funebri del Regno Unito, la cremazione è ormai diventata parte integrante della tradizione funeraria.

Quattro funerali su cinque prevedono la cremazione del defunto e le statistiche indicano che questa pratica ha ormai superato la sepoltura. 

Continua...

Sarò cremato anche se i miei parenti vivono lontani?

“Dopo la mia morte, il mio corpo sarà cremato anche se i miei parenti vivono lontani?” 

Anche questa, come molte altre, è una domanda che ci viene posta spesso. E anche in questo caso, per dare una risposta corretta ed esauriente, è necessario distinguere tra due casi differenti.

Continua...

Quali sono i tempi d’attesa per una cremazione?

“Quanto tempo passa tra la morte di una persona e la sua cremazione? Quanto bisogna aspettare? Ci sono tempi standard?”

Quando rispondiamo alle domande sui tempi necessari per una cremazione, ci teniamo sempre a precisare che non esistono tempi standardizzati. Ci sono infatti una serie di fattori che vanno tenuti in considerazione e che influiscono sui tempi d’attesa:

Continua...

Perché gli americani preferiscono la cremazione? Un sondaggio

Cremazione, sepoltura o tumulazione? Secondo un recente sondaggio, svolto da TermLife2Go* su un campione rappresentativo di 500 persone, il 43% degli americani intervistati vorrebbe essere cremato

Il restante 57% si divide tra sepoltura in terra e tumulazione in loculo, ma nessuna delle due opzioni ha ottenuto una percentuale pari alla cremazione

Ma, quali sono i motivi per cui gli intervistati preferiscono la cremazione

Continua...

La rivoluzione della cremazione

«La maggioranza delle persone se n’è accorta a malapena, ma la cremazione oggi rappresenta una straordinaria rivoluzione storica e culturale», questo è quanto dichiarato da Philip Jenkins nel suo recente articolo su Patheos*.

Illustre professore di storia dell’Institute for Studies of Religion alla Baylor University, in Texas (USA), analizza l’evoluzione della cremazione, sottolineando che essa è passata da “pratica mostruosa e selvaggia” a una scelta “completamente normale, approvata e persino preferita”.

Continua...

Per impedire il ripetersi degli orrori del crematorio di Biella

Nel guardare il recentissimo servizio delle Iene* sui terribili fatti accaduti al polo crematorio di Biella, la nostra Associazione ha provato orrore, disgusto, rabbia e tanta, tantissima tristezza. 

Tristezza per i corpi dei defunti, per la violenza disumana con cui sono stati trattati. Tristezza per le famiglie di quei defunti, per il dolore che stanno provando, per l’ingiustizia che stanno vivendo.  

Non ci sono parole per esprimere il nostro cordoglio. È una ferita che non si rimarginerà. 

Naturalmente non spetta a noi individuare colpevoli e responsabilità per quanto successo, però spetta anche a noi – non solo come SO.CREM Bologna, ma come appartenenti alla Federazione Italiana Cremazione (FIC) – fare qualsiasi cosa sia in nostro potere per impedire che questi fatti si verifichino di nuovo.

Continua...

L’imposizione alla cremazione in Nord Corea

Le autorità nordcoreane hanno sancito che tutte le tombe situate vicino alle strade debbano essere rimosse e che tutti i corpi debbano essere cremati, così da fare spazio alla riforestazione*.

È questa la notizia apparsa nel corso della passata estate, della quale veniamo a conoscenza solo adesso. Una notizia che ci lascia sbigottiti e non ci stupisce che i nordcoreani si siano dichiarati scontenti della richiesta del governo.

Continua...

Operativo il primo impianto crematorio in Grecia

Finalmente operativo il primo impianto per la cremazione in Grecia. Il polo crematorio è situato a Ritsona, a nord di Atene, e nella prima settimana di attività ha già effettuato 15 cremazioni.

Durante la conferenza stampa d’inaugurazione, Antonis Alakiotis – presidente della Greek Cremation Society (GCS) che detiene una partecipazione del 30% sulla gestione dell’impianto – ha dichiarato: «Il nostro paese è stato l’ultimo dell’Unione Europea a realizzare un crematorio, ma ce l’abbiamo fatta. Questo è un evento storico». 

Continua...