Come affrontare il lutto? 5 consigli utili

Ogni persona è diversa dalle altre, e ogni persona affronta la morte e il dolore in modo diverso, per cui non esistono regole universali, e precostituite, per affrontare il lutto per la perdita di una persona cara. 

Allo stesso tempo, però, ci sentiamo di condividere con voi cinque consigli, che abbiamo estrapolato per voi da un articolo pubblicato su un sito americano – whatsyourgrief.com* – quasi interamente dedicato al tema del lutto.

L’articolo invita a elaborare il dolore per la morte di una persona cara avendo rispetto dei propri sentimenti e dei propri tempi, con pazienza e senza forzature, evitando il confronto con il comportamento degli altri e trattando con gentilezza se stessi: corpo, cuore e mente. 

La nostra speranza è che possa offrirvi spunti di riflessione e aiutarvi ad affrontare uno dei momenti più difficili della nostra esistenza. 

1° consiglio) Non fate confronti

Come dicevamo a inizio articolo, il dolore è individuale, unico e imprevedibile. Confrontare il modo in cui ci sentiamo con quello che provano gli altri serve a poco, anzi spesso ci fa stare ancora più male perché ci sentiamo “sbagliati”, meno “adeguati”, più “impreparati”, ecc. 

Non è una gara, non è sfida, non ci sono cose giuste o sbagliate; il dolore è una storia senza fine e gli alti e bassi accadono a tutti, ma in momenti diversi e in luoghi diversi.

Evita anche i confronti con te stesso: non tornerai la persona che eri prima della perdita e non esiste nemmeno quella persona “perfetta” che immagini di poter diventare il giorno in cui il dolore svanirà. 

Il dolore non sparisce. Il dolore si trasforma. E questi confronti non sono equi perché non tengono conto di tutti i cambiamenti che hai già fatto, e che farai, vivendo nel tuo dolore. 

2° consiglio) Accettate quello che sentite

La società in cui viviamo ha tutta una serie di preconcetti su come dovrebbe essere affrontata la morte, su come si dovrebbero esprimere le emozioni, sul tempo che, passando, dovrebbe avere predeterminati effetti. 

La realtà è che:

  • La maggior parte delle persone non sa quanto sia complesso il dolore finché non lo sperimenta in prima persona, e tutti restiamo sorpresi dal modo in cui lo affrontiamo. 
  • Tutto quello che si prova durante un lutto, da un punto di vista emotivo, fisico, cognitivo e comportamentale, è normale, non c’è niente di sbagliato, di anomalo o, peggio, di cui vergognarsi.
  • Ognuno ha i propri tempi, non ha senso mettersi fretta solo per uniformarsi a un’idea generale di “elaborazione”; resta in contatto con il tuo sentire e rispetta i tuoi tempi, con gentilezza e amore

3° consiglio) Prestate attenzione al dolore

Per molti potrebbe sembrare contro-producente, ma non stiamo dicendo di auto-torturarsi focalizzandosi su emozioni angoscianti e ricordi dolorosi, solo di evitare di scappare da pensieri ed emozioni solo perché ci fanno soffrire.

Non serve reprimere il dolore mettendolo da parte, come se non esistesse. Il dolore merita attenzione e cura come qualsiasi altro aspetto della vita. 

4° consiglio) Chiedete aiuto / Accettate aiuto

Chiedere aiuto è un compito arduo, bisogna identificare ciò di cui si ha bisogno, cercare e chiedere aiuto e quindi consentire alla persona di aiutarci senza sentirsi in colpa, debole, egoista, ecc… 

Non è detto che serva per forza l’aiuto di un terapeuta. A volte può aiutare aprirsi con un amico o con un famigliare. Si possono frequentare gruppi di Auto Mutuo Aiuto. Si può cercare aiuto in un libro o in un gruppo di meditazione. È giusto che ognuno cerchi la propria strada per elaborare il proprio lutto

5° consiglio) Prendetevi cura di voi stessi

Quando si soffre, spesso i bisogni del corpo passano in secondo piano, come mangiare, bere, dormire, uscire a fare una passeggiata o andare in palestra.  

Prendersi cura dei propri bisogni di base è spesso una delle poche e/o prime cose che è possibile gestire: concedersi un lungo bagno rilassante, una cena preparata con cura, qualche ora di sonno, un appuntamento dal parrucchiere, senza sensi di colpa, senza vergogna

Sono piccoli gesti d’amore, che regaliamo al nostro corpo, e che ci aiutano a vivere la vita, un passo dopo l’altro, attimo per attimo, momento per momento.  

Per approfondire

Abbiamo dedicato molteplici articoli al tema all’elaborazione della morte di una persona cara, che potete consultare nella categoria LUTTO. 

*L’articolo citato è disponibile, in lingua inglese, su: 7 Ways to Treat Yourself With Kindness While Grieving

Seguici su
Facebook Twitter Youtube
Archivio Notizie