Chi può disperdere le ceneri di un defunto?

Dipende. In mancanza di una disposizione testamentaria scritta del defunto, il Comune dove è avvenuto il decesso chiederà la firma di tutti i parenti più vicini pari ordine e grado (ad esempio: coniuge e figli).

Se la volontà alla dispersione viene lasciata per iscritto, ad esempio tramite l’iscrizione alla nostra associazione, non saranno necessarie le firme dei parenti, ma solo della persona identificata nelle volontà testamentarie depositate presso i nostri uffici – che potrà essere chiunque, anche un amico o un vicino di casa.

Si tenga presente che alcuni Comuni italiani rilasciano l’autorizzazione alla dispersione solo se il defunto aveva lasciato tale volontà per iscritto; meglio quindi informarsi finché si è in vita, chiamando l’ufficio di stato civile del Comune in cui si desidera disperdere le ceneri.