Visita con noi i luoghi simbolo dell’Altrove a Bologna

SO.CREM Bologna vi invita a partecipare al programma di BolognAltrove, per visitare i luoghi “simbolo dell’Altrove” della città di Bologna e riflettere insieme sul mistero più grande della nostra esistenza: la morte.

Si tratta di luoghi che quasi tutti conosciamo già, ma le visite da noi organizzate permetteranno ai partecipanti di scoprirne il legame con il mistero più grande della nostra esistenza, attorno al quale scrittori, filosofi e psicologi si sono da sempre interrogati: la morte.

Di ogni luogo visiteremo, infatti, la parte meno conosciuta e meno raccontata: le tombe, i luoghi di sepoltura, i santuari, le sale per lo studio anatomico, approfondendoli di volta in volta sotto il profilo storico, artistico e culturale.

Le visite saranno coordinate da Federica Dodi, laureata in storia medievale all’Università di Bologna, da sempre studiosa del tema della morte. 

Massimo 20 partecipanti per visita. Prenotazione obbligatoria allo 051.24.17.26 entro il venerdì prima di ogni appuntamento.

Di seguito riportiamo il programma dettagliato di BolognAltrove:

1) La Basilica e il complesso di Santo Stefano

Gli scavi archeologici, iniziati il 13 settembre del 1920 attorno alla chiesa del Crocifisso per conoscere l’antichità del complesso ecclesiastico, portarono alla luce una vasta area cimiteriale con tombe a cassa a copertura piana e a doppio spiovente. All’interno del complesso, inoltre, si possono trovare le tombe dei Santi Vitale e Agricola. Fino al 2000, infine, la Basilica è stata luogo di sepoltura del santo patrono, San Petronio, le cui spoglie vennero poi traslate nella basilica omonima.

Appuntamento sabato 20 maggio 2017 – ore 15.00 in Piazza Santo Stefano all’entrata principale della Basilica. Prenotazione entro giovedì 18 maggio


2) Il Portico della morte e Santa Maria della Vita

La confraternita dei Battuti di Santa Maria della Vita sorse nella seconda metà del duecento per assistere i pellegrini, i poveri e i malati. In questo luogo sorse poi il santuario, ancora oggi esistente, e l’Oratorio della confraternita, molto bello e visitabile. Sulla parete di fondo dell’Oratorio campeggia il gruppo scultoreo del Lombardi, che raffigura il Funerale della Vergine, capolavoro ignoto ai più, attratti soprattutto dal Compianto di Niccolò dell’Arca nella sottostante chiesa.

Appuntamento sabato 27 maggio 2017 – ore 09.45 in via Clavature 8. Prenotazione entro giovedì 25 maggio


3) Le tombe dei glossatori

Chiunque viva o abbia vissuto a Bologna le avrà di certo notate, eppure in pochi ne conoscono la storia e il valore artistico. Ci riferiamo alle tombe dei Glossatori della Scuola bolognese, che conservano le spoglie di alcuni fra i primi e più importanti professori di quello che nel Medioevo veniva chiamato lo studium, cioè l’Università, che a Bologna era rinomato soprattutto per l’insegnamento della Giurisprudenza. In particolare, visiteremo le tombe dove sono sepolti Odofredo Denari, gli Accursi e Rolandino dei Romanzi.

Appuntamento sabato 17 giugno 2017 – ore 09.45 in Piazza San Francesco, davanti alla Basilica. Prenotazione entro giovedì 15 giugno


4) Tombe etrusche presso i Giardini Margherita

Durante i lavori per la realizzazione del parco pubblico dei Giardini Margherita venne ritrovato un antico recipiente in bronzo chiamato “cista”. La notizia attira l’interesse dell’archeologo Antonio Zannoni il quale condusse uno scavo che portò alla luce 172 tombe etrusche, accompagnate da grandi stele funerarie riccamente decorate. I ritrovamenti continueranno nella seconda metà del ‘900, per un totale di 236 sepolture risalenti al VI-IV secolo a.C., spesso dotate di straordinari corredi con vasi di eccelsa qualità. In particolare la cosiddetta Tomba Grande, una tra le più ricche del panorama felsineo.

Appuntamento sabato 24 giugno 2017 – ore 09.45 all’ingresso dei Giardini Margherita a Porta Santo Stefano. Prenotazione entro giovedì 22 giugno


5) Santuario del monastero del Corpus domini

All’interno di questo magnifico complesso visiteremo la famosa “Cappella della Santa” costruita per conservare il corpo di Santa Caterina de’ Vigri. Questo luogo ci permetterà di ripercorrere le storie e le leggende sulla morte della santa e sul suo culto, molteplici e molto radicate nel terreno cittadino. Con l’occasione visiteremo anche le tombe dei glossatori collocate nell’adiacente Piazza San Domenico, dove sono sepolti Rolandino de’ Passeggeri (1305) ed Egidio Foscherari (1289).

Appuntamento domenica 2 luglio 2017 – ore 09.45 in via Tagliapietre 21. Prenotazione entro giovedì 29 giugno


6) Il Teatro Anatomico

Custodito all’interno della biblioteca dell’Archiginnasio: il famoso Teatro Anatomico fu fatto costruire da Gabella Grossa nel 1595 ristrutturando una sala al piano superiore dell’Archiginnasio. Questa decisione nasceva anche dalla competizione con lo Studio di Padova, che aveva già da tempo un teatro anatomico permanente. Un luogo di scienza che ha dato il suo contributo nell’avanzamento della medicina, per secoli condizionata dall’eredità ippocratico-galenica e da elementi aristotelici e arabi.

Appuntamento domenica 9 luglio 2017 – ore 09.45 alla Biblioteca dell’Archiginnasio in Piazza Galvani 1. 

E le visite non finiscono qui!

Per non perdere le future visite di BolognAltrove, iscriviti alla nostra newsletter “Eventi e Convegni”. Il servizio è gratuito. 

* campi obbligatori





Una volta inseriti i tuoi dati e cliccato su “Iscriviti”, riceverai una email nella quale ti verrà richiesto di confermare l’iscrizione.

Seguici su
Facebook Twitter Youtube
Archivio Notizie