Che cosa significa affidare le ceneri a qualcuno?

Sfatiamo un mito molto comune: affidare l’urna a qualcuno non significa che l’affidatario potrà decidere che cosa fare delle ceneri. Tutt’altro!

L’affidatario dovrà infatti custodire l’urna presso la propria abitazione di residenza fino al momento della propria morte; dopo il decesso, l’urna affidatagli dovrà tornare in cimitero. 

affidare le ceneri a qualcuno

Prima di proseguire oltre, facciamo un piccolo passo indietro, utile a ricordare che, in seguito della cremazione, le ceneri possono essere:

  • collocate in cimitero (tumulate in appositi loculi o nelle tombe di famiglia),
  • OPPURE disperse in natura o negli appositi spazi all’interno di cimiteri (leggi l’articolo Dove disperdere le ceneri di cremazione)
  • OPPURE affidate a qualcuno che, per legge, dovrà custodirle presso la propria abitazione. 

1. Che cosa significa affidare le ceneri a una persona?

L’affido significa che le ceneri devono essere custodite presso l’indirizzo di residenza della persona affidataria. Per capirci: se l’affidatario cambia residenza, deve dichiarare in Comune anche il cambio di residenza dell’urna. 

Nel momento in cui l’affidatario muore, l’urna non passa in eredità a qualcuno della famiglia e non è possibile chiedere la dispersione delle ceneri; l‘unica collocazione possibile è il cimitero

2. Sono previsti sanzioni o controlli?

Molto spesso sentiamo persone affermare: “Sì, ma chi verrà mai a controllare?”

La verità è che l’affido dell’urna viene segnato in un apposito registro comunale e, in qualsiasi momento, possono essere richiesti controlli da parte delle autorità competenti

Se l’urna non risulta presso la residenza dichiarata o se è stata manomessa in qualche modo, l’affidatario rischia pesanti ammende pecuniarie e fino anche alla reclusione in carcere

Per la legge italiana, infatti, le ceneri sono equiparate a un cadavere e qualsiasi manomissione non autorizzata è considerata vilipendio

3. Come richiedere l’affido

L’affido può essere richiesto dalla persona stessa, in vita.
Tramite l’iscrizione alla nostra associazione, la persona può lasciare per iscritto anche la propria volontà di affidare le ceneri a qualcuno. In questo caso, si può scegliere chiunque, anche un “semplice” amico. 

L’affido può essere richiesto da un parente (con il consenso degli altri aventi diritto). 
Se una persona muore senza aver lasciato alcuna disposizione scritta, l’affido può essere richiesto da un parente in linea diretta (coniuge, figlio, nipote), purché ci sia il consenso di tutti gli altri parenti di pari ordine e grado. 

In un caso o nell’altra, la persona affidataria dovrà firmare tutti i documenti necessari, richiesti dal Comune di decesso e, se diverso, dal Comune di destinazione delle ceneri (di solito, è l’agenzia di Onoranza Funebri a fare da tramite tra i superstiti e gli uffici comunali). 

4. Si può rifiutare l’affido dell’urna? 

Sì, certamente. La persona identificata in una disposizione testamentaria come “affidataria” può, se non la sente, rifiutarsi di accettare l’incarico

Allo stesso tempo, se una persona chiede l’affido e, dopo un certo periodo, non vuole più tenere l’urna in casa, può chiedere di non essere più l’affidatario

In entrambi i casi, l’urna deve trovare collocazione in cimitero

5. Come affidatario, posso rifiutarmi di far entrare in casa qualcuno che vuole vedere l’urna?

Il fatto di conservare l’urna di una persona presso la vostra residenza non trasforma casa vostra in un cimitero

In cimitero può entrare chiunque, per portare fiori o semplicemente per andare in visita. Se l’urna è conservata in casa vostra, nessuno può costringervi ad aprire le porte se non volete. 

È pur sempre casa vostra e, in quanto tale, vigono le vostre regole. 

Per maggiori informazioni:
SO.CREM Bologna
051241726
staff@socrem.bologna.it

Seguici su
Facebook Twitter Youtube
Archivio Notizie