Morte di un socio: che cosa fare

Se il socio non aveva stipulato in vita un mandato post mortem per coprire anticipatamente le spese del funerale, è necessario che i superstiti avvertano sia la nostra associazione (che si occupa delle pratiche relative al rilascio dell’autorizzazione alla cremazione) sia una delle imprese di onoranze con noi convenzionate, che offrono uno sconto del 10-15% su feretro e trasporto (l’elenco completo è sempre pubblicato anche sulla nostra rivista).

La cremazione deve essere prenotata direttamente attraverso l’impresa funebre. Sarà premura del crematorio contattare successivamente i familiari e informarli del giorno in cui è possibile effettuare il ritiro dell’urna per la tumulazione, la dispersione o l’affido.

Se invece il socio aveva invece stipulato in vita un mandato post mortem, è sufficiente avvertire la nostra associazione che, in base alle indicazioni riportate nel mandato stesso, si occuperà direttamente delle esequie, della prenotazione della cremazione e degli altri adempimenti necessari.

Da non dimenticare:

  • SO.CREM Bologna fornisce gratuitamente l’urna, disponibile nei modelli ad anfora o a cassetta. Se si desidera quest’ultima (indicata per le tumulazioni) occorre specificarlo all’impresa di onoranze al momento della prenotazione della cremazione o alla nostra associazione in caso di mandato post mortem;
  • I familiari possono sia usufruire gratuitamente della Sala del Commiato presso il Polo crematorio di Borgo Panigale, sia essere presenti al momento della cremazione: in entrambi i casi è necessario, ancora una volta, manifestare queste volontà all’impresa funebre (o, in caso di mandato post mortem, alla nostra associazione);
  • A differenza di quanto accade per la cremazione, la dispersione delle ceneri o il loro affido richiedono il disbrigo di alcune pratiche documentali e il sostenimento di modeste spese amministrative aggiuntive – ciò anche in presenza di una volontà scritta dell’Associato. Nel caso specifico della dispersione, occorre inoltre considerare che se il defunto ha espressamente incaricato una persona, sarà solo quest’ultima a doversi occupare delle pratiche. In caso contrario, sarà richiesto l’intervento di tutti i parenti di grado più vicino. Informazioni più dettagliate al riguardo potranno essere ottenute dall’impresa di onoranze funebri alle quali ci si affida;
  • La cremazione del Socio può essere effettuata nel crematorio più vicino al luogo del decesso.
Seguici su
Facebook Twitter Youtube
Archivio Notizie